sport e gravidanza

Sport e gravidanza, sono un connubio che può andare d’accordo? Certo che sì! Anche se la gravidanza è un periodo di cambiamenti e nuove esperienze per la donna, non c’è bisogno di chiudere con l’attività fisica o di non iniziarla se ci si vuole sentire meglio.

Infatti, durante la gravidanza per la propria salute e quella del bambino, in genere si cerca di mantenere la migliore forma fisica possibile, pur garantendo la sicurezza e la salute del nascituro.

Lo sport in gravidanza è un ottimo modo per raggiungere questi obiettivi, ma è fondamentale conoscere i dettagli e le precauzioni da prendere. Allora, pronti a scoprire tutto quello che c’è da sapere su sport e gravidanza?

I benefici dell’esercizio fisico in gravidanza

L’esercizio fisico è un elemento fondamentale per la salute e il benessere di ogni individuo, e le donne in gravidanza non fanno eccezione. Può aiutare a gestire lo stress e migliorare l’umore, contribuendo inoltre a ridurre alcuni dei disagi comuni durante la gravidanza, come il mal di schiena e la stanchezza.

Non solo, lo sport può essere un’opportunità per riuscire a svagare la propria mente, aumenta il buon umore e se si praticano dei corsi insieme ad altre mamme si ha l’opportunità farsi supportare da un gruppo coeso di donne che stanno vivendo la stessa situazione.

Ecco perché praticare sport in gravidanza non è solo un’opportunità per chi vuole mantenersi in forma ma anche un modo per riuscire a vivere in modo più sereno questo periodo.

Aiuta la gestione del peso

Fare esercizio durante la gravidanza può migliorare la resistenza fisica e preparare il corpo per il parto. Può anche contribuire a gestire il peso, riducendo il rischio di incorrere in problematiche come, ad esempio, il diabete gestazionale e le complicanze correlate all’ipertensione.

Non prendere troppo peso in gravidanza non è solo utile per ritornare in forma dopo il parto, ma aiuta anche ad affrontare al meglio l’ultimo trimestre, quando si hanno maggiori problemi di gonfiore (ad esempio per i piedi e le gambe).

Inoltre, si può contrastare anche l’insorgere del mal di schiena o ridurlo. Infatti, maggiore è il peso che si acquisisce durante la gravidanza, più sono le possibilità di soffrire di mal di schiena e dolori articolari.

Gravidanza e Sport: l’importanza per la salute mentale

L’esercizio può giocare un ruolo importante nel supportare la salute mentale durante la gravidanza. Può aiutare a gestire l’ansia e i cambiamenti d’umore, migliorare la qualità del sonno e aumentare la fiducia in se stesse. Ecco, perché molte donne scelgono di praticare attività fisica, anche se non eccessivamente impegnativa, al fine di favorire il benessere mentale. Non solo, gli incrementi dei livelli di serotonina aiutano a sentirsi più felici, soddisfatte, più rilassate e serene.

Sport Consigliati e Sport da Evitare in Gravidanza

Nel contesto della gravidanza, è essenziale selezionare attentamente l’attività sportiva per assicurare sia la salute della madre che quella del bambino. Ecco perché ho fatto una panoramica degli sport consigliati e di quelli da evitare durante questo periodo speciale della vita di una donna.

Gli sport a basso impatto sono generalmente i più sicuri e i più benefici durante la gravidanza. Tra questi, i seguenti sono particolarmente raccomandati:

  • Camminata: La camminata è un’attività a basso impatto che può essere praticata durante tutta la gravidanza. Contribuisce a mantenere il cuore sano senza causare stress alle articolazioni.
  • Yoga Prenatale: Lo yoga prenatale è progettato specificamente per le donne in gravidanza, offrendo esercizi di stiramento e rilassamento che possono aiutare a prepararsi al parto.
  • Nuoto: Il nuoto è un’ottima scelta perché l’acqua sostiene il peso, alleviando la pressione sulle articolazioni, mantenendo allo stesso tempo un buon livello di fitness cardiovascolare.
  • Ginnastica dolce: La ginnastica dolce, che include esercizi di tonificazione e stretching leggero, può essere adatta per mantenere il tono muscolare senza affaticare eccessivamente il corpo.

Alcuni sport sono considerati troppo rischiosi da praticare durante la gravidanza a causa dell’alto impatto o del potenziale rischio di lesioni.

Questi includono:

  • Sport di Contatto: come il calcio, il rugby o la boxe presentano un rischio di colpi e lesioni che potrebbero essere pericolosi in gravidanza.
  • Sport con Rischio di Cadute: quelli che comportano un rischio di cadute, come l’equitazione, lo sci o il ciclismo, dovrebbero essere evitati a causa del rischio di trauma addominale.
  • Sport Ad Alta Intensità: come la corsa a lunga distanza o il sollevamento pesi pesanti, potrebbero mettere troppo stress sul corpo e dovrebbero essere evitati.

Qual è la durata ideale dell’attività fisica in gravidanza per ottenere benefici?

Se non si è abituati a fare attività fisica, si può iniziare anche con attività blande per soli 15 minuti al giorno, aumentando gradualmente di cinque minuti a settimana fino a raggiungere una media di trenta minuti al giorno.

Questo consentirà di aumentare l’apporto calorico senza rischio di un eccessivo incremento di peso. L’obiettivo ideale è svolgere in totale almeno 150 minuti di esercizio aerobico di intensità moderata a settimana, divisi in sessioni di trenta minuti per cinque giorni (o sessioni più brevi se l’attività viene svolta ogni giorno).

Precauzioni da Prendere quando si pratica sport in gravidanza

Utilizzare il proprio discernimento, prestare attenzione ai segnali del proprio corpo, evitare eccessi e stress eccessivo sono le linee guida principali da ricordare. È fondamentale rimanere idratati bevendo abbondante acqua, indossare un reggiseno adeguato all’attività sportiva, e prevenire il surriscaldamento corporeo.

Sarebbe opportuno evitare gli esercizi che richiedono di rimanere in piedi o sdraiate sulla schiena per un lungo periodo di tempo, specialmente durante le fasi avanzate della gravidanza.

La regola più importante quando si tratta di fare sport in gravidanza è quindi quella di ascoltare il proprio corpo. Se ci si sente stanche, è importante riposare e non spingere troppo. Allo stesso modo, se si sentisse dolore o disagio durante un’attività si dovrebbe smettere immediatamente.

Prima di iniziare o continuare qualsiasi programma di esercizi durante la gravidanza, è fondamentale inoltre consultare il medico e il proprio ginecologo. Questo perché potrebbero esserci limitazioni o precauzioni specifiche a seconda della tua salute e dello stadio della gravidanza.

In conclusione, lo sport può essere un grande alleato durante la gravidanza, purché venga praticato in modo sicuro e responsabile. Ricorda sempre di ascoltare il tuo corpo, consultare il tuo medico e fare scelte informate su quali sport praticare. La propria salute e quella del bambino rappresentano la priorità.

Dottor Maurizio Caggiano

Articoli simili